Redditometro vs concordato preventivo
LEGALITÀ NORMATIVE

Redditometro vs concordato preventivo

MARCO LEONARDI – LEONZIO RIZZO

E così la campagna elettorale si conclude con un emendamento del governo che cancella  il redditometro che era stato resuscitato dallo stesso governo appena pochi giorni fa. La vicenda è indicativa di come la politica in Italia faccia caso solo alla percezione dei cittadini piuttosto che al merito delle misure, soprattutto in periodi preelettorali. Il redditometro serve all’agenzia delle entrate come strumento di ultima istanza. Deduce per gli evasori totali che non dichiarano nulla un reddito dai loro consumi.

L’iniziativa del ministro Leo di resuscitare il redditometro è stata particolarmente ingenua. Basta la parola “redditometro”, al di là del merito, per spaventare gli elettori. A noi spaventa invece l’incoerenza nella visione complessiva rispetto all’altra misura promessa dal governo. Il concordato preventivo si basa esattamente sui presupposti opposti. Il problema è nella piccola evasione delle partite IVA. Tanto vale indurle “con le buone” a dichiarare un po’ di più di quello che normalmente dichiarano. In teoria si tratta di un buon proposito. In pratica ne aspettiamo la realizzazione per capire se anche stavolta è molto rumore per nulla.

Manifesta ineficacia del redditometro

Il redditometro, che tradizionalmente è stato usato poco per gli evasori totali di cui non conosceva il reddito, nelle intenzioni del governo, prima dell’improvviso pentimento, doveva essere esteso. Il governo con il DL del 20 maggio ha resuscitato uno strumento che era stato sospeso nel 2018 per manifesta inefficacia. Aveva generato un recupero di una manciata di milioni di gettito. L’idea del redditometro consiste nel verificare se le spese per consumi e investimenti del contribuente sono coerenti con il reddito dichiarato.

Il decreto prevede molte categorie di spesa. Ci sono gli alimentari, l’abbigliamento, i mutui, bollette di luce, acqua e gas, spese di trasporto e tempo libero. La domanda è come si farebbe ad avere queste informazioni in modo puntuale per ogni consumatore. Nell’allegato del decreto si dice genericamente che si farà uso delle informazioni in possesso dell’amministrazione finanziaria. Questo chiaramente è molto difficile da fare quando si possono effettuare transazioni in contanti fino a 5000 euro. L’amministrazione finanziaria può in genere disporre di informazioni su consumi e investimenti dei contribuenti legate a transazioni elettroniche. Chiaramente è un decreto il cui impatto sugli evasori sarebbe stato nullo. 

Il messaggio del governo e l’IRPEF evasa

Ma allora perché tanto chiasso? Perché è un provvedimento che potrebbe essere percepito dagli elettori come in contrasto con il messaggio finora dato dal governo e soprattutto dalla Premier, che per esempio nel famoso discorso di Catania dello scorso anno, ha detto che il suo governo si propone di non chiedere il pizzo di stato, che sarebbero le imposte evase, ai piccoli imprenditori. Se però, oltre alle spese in eccesso, iniziano a mancare le entrate son dolori. 

Dalla relazione del MEF sull’economia non osservata del 2023 quasi il 70% dell’IRPEF, dovuto da imprese e lavoratori autonomi è evaso. L’evasione IRPEF del lavoro autonomo (32 miliardi) e quella IVA (27 miliardi) è di quasi 60 miliardi. 

Gli ISA, strumenti utili e affidabili

Anziché pensare al redditometro, si dovrebbero rafforzare gli unici strumenti che sembrano finora avere funzionato: gli ISA, indici sintetici di affidabilità da 0 a 10, che risultano da modelli appositamente compilati da imprese e lavoratori autonomi con fatturato inferiore a 5,1 milioni di euro.

C’è una bella differenza tra un contribuente “affidabile” e uno “non affidabile”. Per esempio un commerciante medio-grande nel 2021 con un ISA maggiore di 8, sono il 43%, dichiara in media un fatturato di 576 mila euro e un reddito imponibile lordo di 61 mila euro. Uno con ISA inferiore a 8, il 57% dei commercianti medio-grandi, dichiara in media 434 mila euro di fatturato e 19 mila euro lordi di reddito imponibile. Questa differenza sembra essersi aggravata nell’ultimo anno, con particolare evidenza al Sud Italia.

Proposte serie e credibili per l’Italia a capo del G7

Il problema che il governo dovrebbe seriamente porsi è come utilizzare tali indici per decidere i contribuenti su cui fare i controlli e soprattutto per formulare delle proposte ragionevoli, per il contribuente e l’amministrazione, di concordato preventivo. Se si vuole procedere con il concordato preventivo per recuperare l’evasione, sarebbe bene concentrarsi su come formulare delle serie proposte ai contribuenti con ISA basso, associandole a credibili controlli nel caso di non adesione, anziché mettere sul piatto il poco efficace redditometro. Forse però definire in modo credibile le proposte da fare per il concordato preventivo scatenerebbe un’altra bufera. 

Non bisogna dimenticare che l’evasione complessiva è generata in gran parte dalla somma di tanta piccola evasione. Le banche o le gradi multinazionali non possono evadere. Possono eludere, ovvero sfruttare le leggi a livello globale per minimizzare il debito di imposta. È legittimo e doveroso combattere anche questo tipo di operazioni. Per farlo non bastano i proclami elettorali. Ci vogliono seri accordi internazionali, estremamente difficili da realizzare. Per l’Italia a capo del G7 potrebbe essere una buona occasione di porre il problema.


Pubblicato sul Foglio il 03.06.2024